Petra. Un Viaggio

Il viaggio è terminato a novembre 2014 | Per info visita www.petrawine.it

Categoria: Persone

Vendemmiando

La vendemmia. Gesti che si ripetono ogni giorno, un ciclo che dal vigneto parte e al vigneto ritorna. Suoni e rumori dei quali impari a conoscerne il significato anche ad occhi chiusi. Mani delicate, braccia forti, occhi attenti, persone sincere. La vendemmia, in fondo, è poesia.

Petra 2011: tre bicchieri, mille sorrisi

BrindisiE’ nel pieno della vendemmia che arriva la notizia: “Petra 2011” ottiene i tre bicchieri nella nuova edizione della guida vini del Gambero Rosso 2015. Un riconoscimento di assoluto valore che premia il grande lavoro di anni di tutto il team di Cantine Petra. Una squadra di professionisti di qualità, un gruppo di persone che ha alla base passione per questo lavoro e amore per la terra. Questa terra. Sono veramente molto felice di aver vissuto questo momento proprio qui, in diretta e nel cuore della vendemmia, insieme a loro: dagli enologi, ai cantinieri, ai responsabili di vigna e a tutti coloro che ogni giorno danno il meglio per contribuire a tali risultati. E insieme anche a Francesca Moretti, Amm.re delegato delle quattro cantine del Gruppo Terra Moretti, presente a Petra in questi giorni.  “E’ bellissimo – mi dice, non senza emozione. – Dopo anni di grande lavoro ad altissimo livello, non solo con il Petra ma anche con altri vini della Cantina, ci tenevo a raggiungere un risultato così; ci tenevo naturalmente per il Gruppo ma anche per lo staff che da anni mi affianca e mi supporta nelle scelte, e per coloro che sono in vigna ogni giorno. Questo è il vino delle nostre più grandi aspettative; è il vino del miglior connubio tra Cabernet Sauvignon e Merlot, che parla di Mediterraneo, di Toscana. E’ il vino della nostra terra.. Ma avremo tempo di parlarne nei prossimi giorni, ora andiamo a festeggiarlo“. In pochi minuti, tra un passaparola e qualche telefonata, tutti sono chiamati a raccolta per un brindisi volante nel cortile dove arriva l’uva, tra uno scarico cassette e l’altro, tra i nastri per la pigiatura e le macchine per la diraspatura: c’è un premio, i Tre Bicchieri. Ma molti di più sono i bicchieri che si levano in alto per celebrarlo. E mille i sorrisi che rimarranno a lungo sui visi di tutti. Ora via di nuovo, ai propri posti di vendemmia, con gli occhi sempre attenti… e il petto un po’ più gonfio ;-) Cin, salute, evviva!

Luglio: il meteo, le vigne, la vendemmia.

Girando per Petra si incontrano spesso coloro che sono poi gli artefici del successo di un vino o di un olio: dalle persone che con la massima cura accudiscono i grappoli sui filari, agli agronomi, agli enologi. Ci si ferma, due parole, un sorriso e via, ognuno alle proprie cose. Alberto Simonelli, che già conoscete dalla prima intervista, è il responsabile delle vigne, colui che sovrintende il lavoro e le attività in vigna. Gli ho chiesto di fermarsi qualche minuto in più e di raccontarci un po’ di curiosità: come è andata la stagione finora, farci vedere quali sono le principali e fondamentali operazioni che si svolgono in questo periodo per preparare la migliore vedemmia e quindi, ci si augura, un grande vino. Grazie Alberto per il tuo tempo. Buon lavoro a Te e a tutto il team di Petra. ;-)

Luglio: il meteo, le vigne, la vendemmia.
(Alberto Simonelli, Resp. vigneti di Petra)

Donatella | GentediPetra

 

GDP | Donatella
Donatella, toscana d.o.c., a Petra da sempre. Sguardo timido con un grande un sorriso dentro.

#GentediPetra

‘Mbaye | GentediPetra

2014©AlbertoBregani

Le sento dalla mia stanza ogni mattina arrivare alla spicciolata, molto presto, tra le sette e le sette e mezza, in gruppettini di amicizie lunghe anni, consolidate giorno dopo giorno anche dal lavoro insieme nei vigneti. Sento le risatine delle ragazze e i chiacchericci dei ragazzi, la ghiaia del cortile che scrocchia sotto i loro passi. Poi la giornata si accende di colpo con i trattori che si mettono in moto e se ne vanno decisi verso i campi; mentre una voce più autorevole delle altre descrive alle persone rimaste, a ogni gruppetto, le consegne della giornata. Apro la finestra giusto in tempo per vederle mettersi in circolo e iniziare la loro seduta mattutina di ginnastica di risveglio muscolare; venti minuti di pura condivisione di racconti del giorno prima, di quello che si farà oggi, che oggi fa caldo, che quando la smetterà di piovere, che bisogna fare bene quel lavoro nell’oliveto davanti… mentre ci si deve alzare meglio sulle punte dei piedi, che si devono distendere bene per sentire i polpacci che si svegliano. “Via che si va, ‘vvìa..” E la gente di Petra inizia la propria giornata. Gente che da sempre è qui, che arriva dai paesi intorno, talvolta da più lontano, ma che ha poi scelto di fermarsi in questo angolo di paradiso; gente che Petra l’ha vista nascere e crescere, che l’ama come se fosse la sua vita, che mette l’anima e la passione in ogni gesto, in ogni piccolo gesto dedicato a questa terra. Gente che seguirò più spesso – e della quale vi parlerò più spesso – per la positività che trasmette e per imparare qualcosa di più da chi la terra l’ascolta veramente, e ogni giorno.

#GentediPetra: sorrisi sinceri, mani forti, cuore profondo.

______________
Nella foto: Mbaye, 30 anni, Senegal  – A Petra da otto anni.
Ph. Alberto Bregani | Hasselblad 501c, CF Planar 80/2,8, fp4+

Cibo, Libertà e Umanità

Petra | Toscani

Non di solo vino si parla a Petra, in questo 2014. Si parla anche di Cibo, Libertà e Umanità. E’ questo, infatti, il titolo del particolare progetto del quale sono venuto a conoscenza nel corso di questo mio attuale viaggio. Un progetto corale che riunisce sotto la stessa visione Carlo Petrini (fondatore e presidente di Slow Food e Terra Madre), il fotografo Oliviero Toscani, e Vittorio Moretti (fondatore Gruppo TerraMoretti), per dare ampio risalto a un tema sul quale l’attenzione deve sempre essere alta: il cibo. Presentato a Petra a fine 2013, Cibo, Libertà e Umanità, come recita la presentazione scaricabile qui in pdf, è “una mostra di Oliviero Toscani dedicata al pensiero di Carlo Petrini. Un omaggio al lavoro della terra con uno sguardo al futuro. Per sottolineare che la diversità è un ingrediente fondamentale dell’identità“.  Questo Petrini-pensiero trova innanzitutto la prima, accurata, partecipata narrazione nelle pagine del suo recente libro intitolato Cibo e Libertà” (Giunti Editore). La mostra di Toscani è poi il suo divenire immagine, in un suggestivo percorso fotografico “…che illustra volti e cibi provenienti dai luoghi più lontani”. Il tutto ospitato in terra di Petra ovvero da Vittorio e Francesca Moretti che hanno sposato in toto l’idea, sia per il tema e la valenza del progetto fortemente legato alla terra, sia per la lunga amicizia che li lega a Petrini e a Toscani. Leggi il seguito di questo post »

I video di “Petra. Un Viaggio”

Parole e fotografia dicono molto. Ma un video può svelare altri dettagli interessanti o curiosi, specialmente se raccontati in presa diretta dai protagonisti. Ecco dunque, da oggi, la sezione dedicata ai video del nostro viaggio. Come quella fotografica, anche questa pagina si arricchirà di nuovi video man mano che proseguiremo insieme verso l’autunno. Sono ( saranno)  brevi video-racconti, con un format già testato con successo in altri miei progetti, che vi porteranno virtualmente nei luoghi degli scatti e che racconteranno alcuni piccoli segreti che stanno dietro la produzione di un vino o un olio di grande qualità. Sono video semplici, realizzati con un classico smartphone, senza alcuna pretesa cinematografica da concorso e assolutamente in “presa diretta”. Ma, senza presunzione alcuna, sono certo che faranno il loro dovere. Grazie e buona visione di questo primo video ;-)

La selezione dei germogli in un tralcio di Cabernet Sauvignon
(Alberto Simonelli, Resp. vigneti di Petra)